Cosa si mangia quando si fa la dieta chetogenica?

Ultima modifica

La dieta chetogenica, “keto” per gli amici, ha progressivamente guadagnato una grande popolarità negli ultimi anni come metodo efficace per perdere peso (anche se non necessariamente più di altre diete, va detto).

Ma cosa significa esattamente seguire una dieta chetogenica?

La dieta chetogenica è un regime alimentare

Tipicamente il nostro corpo utilizza i carboidrati come fonte preferita di energia. Tuttavia, quando i carboidrati sono limitati, il corpo entra in uno stato di chetosi (facendo di necessità virtù) passando all’utilizzo di grassi come principale fonte di energia (con poche eccezioni, quali ad esempio globuli rossi e testicoli).

È quindi possibile immaginare la dieta chetogenica come un processo di forzato adattamento metabolico durante il quale il corpo, in assenza di una quantità sufficiente di carboidrati, inizia a bruciare i grassi (e produce attraverso il fegato i pochi carboidrati realmente indispensabili alla sopravvivenza).

Alimenti principali nella dieta chetogenica

Gli alimenti su cui costruire una dieta chetogenica prevedono quindi essenzialmente cibi grassi e proteici, come:

  • carne (di ogni taglio, affettati compresi)
  • uova
  • pesce e frutti di mare
  • semi e frutta secca a guscio come le noci
  • oli da condimento, olio di cocco e derivati simili (come il burro d’arachidi)
  • alcuni latticini (soprattutto quelli più grassi come la panna e il burro).

Gli alimenti ricchi di grassi sono quindi l’asse portante in una dieta keto, in grado di garantire non solo energia, ma anche un prolungato senso di sazietà. Come si evince dal precedente elenco è tuttavia piuttosto difficile costruire una dieta di questo tipo senza abbondare anche in grassi saturi (quelli tipici del mondo animale) e responsabili di un aumento dei livelli circolanti di colesterolo LDL (almeno nella maggior parte dei soggetti che si avvicinano a questo regime).

Ragazza che fa una faccia buffa e appoggia mezzo avocado sul'occhio

Shutterstock/PeopleImages.com – Yuri A

Merita probabilmente una menzione a parte l’avocado, una scelta particolarmente popolare tra chi adotta un regime keto, perché si tratta di un frutto con caratteristiche peculiari:

  • povero di carboidrati,
  • discreto apporto di fibra e di alcuni minerali/vitamine,
  • ricco di grassi sani.

Le proteine sono importanti, ma a differenza di quanto si possa essere portati a pensare una dieta chetogenica non è iperproteica (si suggerisce in genere solo un modesto aumento rispetto alle percentuali tipiche delle diete più equilibrate).

Ai cibi visti finora, responsabili dell’apporto di macronutrienti, vanno poi aggiunti

  • Verdure a basso contenuto di carboidrati (come spinaci, cavoli, broccoli e zucchine)
  • Frutti a basso indice glicemico, tipicamente frutti di bosco, da consumare comunque con moderazione.

Dovrebbe apparire chiaro come esista il concreto rischio di andare incontro a possibili carenze (un multivitaminico potrebbe aiutare) e squilibri del microbiota intestinale legati alla scarsa quantità di fibra consumata.

Alimenti da evitare

Sono invece da evitare, perché non compatibili con gli stretti limiti impostati alla quantità totale di carboidrati:

  • Cereali e derivati (pane, pasta, riso, …)
  • Patate
  • Legumi
  • Dolci e zuccheri raffinati in genere
  • Frutta ad alto contenuto di zucchero

Il più grande limite della dieta chetogenica

Il più grande limite della dieta chetogenica è paradossalmente anche il suo punto di forza, ovvero una severa restrizione degli alimenti permessi.

Questo regime alimentare richiede una drastica riduzione dell’assunzione di carboidrati, che  si traduce in scelte difficili da sostenere a lungo termine; la limitata varietà di alimenti e l’elevato apporto di grassi, così efficace nel ridurre e rendere facilmente sopportabile la sensazione di fame, porta quasi inevitabilmente a una sensazione di profonda monotonia, che rende difficile aderire con costanza alla dieta (si pensi ad esempio ai contesti sociali o ai viaggi).

Articoli Correlati
Articoli in evidenza