Cosa bere per pulire le vie urinarie?

Ultima modifica

Nella gestione della salute delle vie urinarie l’idratazione svolge un ruolo chiave.

Bere adeguatamente non solo aiuta a mantenere il corretto funzionamento del sistema urinario, ma può anche contribuire a prevenire infezioni, come la cistite. Prima ancora di decidere cosa bere, è importante chiarire l’importanza di quanto bere (bere a sufficienza), ovvero consumare liquidi in quantità sufficiente per mantenere il corpo idratato e favorire il corretto funzionamento delle vie urinarie.

Questo non solo aiuta a diluire le sostanze potenzialmente nocive presenti nell’urina, ma facilita anche l’espulsione di batteri e riduce il rischio di infezioni e di formazione di calcoli renali.

Un’adeguata idratazione è la prima linea di difesa per preservare la salute del sistema urinario e dovrebbe essere considerata una priorità quotidiana (senza dimenticare che una gran parte dei liquidi introdotti dovrebbe derivare anche dal cibo, come frutta, verdura e, grazie alla cottura, anche cereali integrali e legumi).

Cranberry e succo in bicchiere

Cranberry (Shutterstock/g215)

Acqua

L’acqua è il pilastro della salute delle vie urinarie. Spesso non è necessario bere altro; introdurre adeguate quantità di acqua (lo ricordiamo, anche attraverso il cibo) significa diluire l’urina, facilitando l’espulsione dei batteri potenzialmente nocivi dalla vescica.

L’acqua è fondamentale per il mantenimento della salute in generale, ma assume un ruolo particolarmente cruciale quando si tratta della salute delle vie urinarie. La sua importanza non può essere sopravvalutata: una corretta idratazione attraverso l’assunzione di acqua è spesso tutto ciò che serve per mantenere le vie urinarie sane e funzionanti al meglio.

Succo di cranberry (mirtillo rosso)

Il cranberry, noto anche come mirtillo rosso americano, ha guadagnato popolarità nel corso degli anni per il suo ruolo nel prevenire le infezioni del tratto urinario (UTI), soprattutto la cistite. Questo piccolo frutto rosso è ricco di composti chiamati proantocianidine di tipo A, che sono probabilmente in grado di impedire ai batteri E. coli, i principali responsabili delle UTI, di aderire alle pareti della vescica. Questo meccanismo di azione riduce significativamente il rischio di infezione e può essere particolarmente utile per le persone che soffrono di infezioni urinarie ricorrenti.

Gli studi sull’efficacia del cranberry nella prevenzione delle UTI hanno prodotto risultati misti, ma molti suggeriscono che il consumo regolare di succo di cranberry o di integratori possa effettivamente ridurre la frequenza delle infezioni in alcuni individui. È importante, tuttavia, scegliere prodotti di cranberry che contengano un’elevata concentrazione di proantocianidine e che siano a basso contenuto di zuccheri, poiché lo zucchero può favorire la crescita batterica.

Nonostante il cranberry non sia un sostituto del trattamento medico per le UTI già in atto, può essere considerato un utile complemento alle strategie preventive, specialmente per chi è incline a sviluppare queste infezioni. L’assunzione di cranberry può essere un’efficace misura preventiva naturale, che si aggiunge ai benefici di un’adeguata idratazione e di buone pratiche igieniche, nel mantenimento della salute delle vie urinarie. Tuttavia, è sempre consigliato consultare un professionista sanitario prima di iniziare qualsiasi nuovo supplemento, specialmente per le persone con condizioni mediche preesistenti o che assumono altri farmaci.

Tè verde

Ricco di antiossidanti, il tè verde potrebbe avere effetti benefici sulla salute delle vie urinarie grazie alle sue proprietà diuretiche lievi e alla capacità di ridurre l’infiammazione.

Se è vero che le evidenze di efficacia in termini di cistite sono meno solide rispetto al cranberry, il tè verde può tuttavia giocarsi un’altra importante carta, perché può vantare proprietà più studiate relative alla prevenzione del cancro e alla salute cardiovascolare. Gli antiossidanti presenti nel tè verde, in particolare le catechine, hanno dimostrato di avere effetti protettivi contro alcuni tipi di cancro, inclusi quelli del seno, della prostata e del colon. Inoltre, il consumo regolare di tè verde è stato associato a una riduzione del rischio di malattie cardiache, grazie alla sua capacità di migliorare i profili lipidici nel sangue e di abbassare la pressione sanguigna.

Questi benefici sistemici, uniti alle potenziali proprietà benefiche per le vie urinarie, rendono il tè verde una scelta eccellente per chi cerca di migliorare la propria salute generale attraverso la dieta.

Tè di ortica

Tradizionalmente usato per la pulizia delle vie urinarie, il tè di ortica ha proprietà diuretiche che aiutano a espellere i batteri dalle vie urinarie.

Attenzione a…

Alcuni cibi/bevande sono sospettate di esercitare un effetto irritante sulla vescica e potrebbe quindi valere la pena verificare se una loro riduzione/sospensione possa offrire dei benefici:

  • Alcol
  • Bevande contenenti caffeina
  • Bevande gassate
  • Alimenti e bevande a base di agrumi
  • Cipolle
  • Cibo piccante
  • Pomodori

Ricorda sempre che…

  • Moderazione e qualità: È fondamentale consumare queste bevande con moderazione e optare per varianti senza zuccheri aggiunti, in quanto l’eccesso di zucchero può favorire la crescita batterica.
  • Evidenza scientifica: Non tutte le bevande sopra menzionate hanno lo stesso grado di supporto scientifico.
  • Parere medico: Persone con condizioni di salute preesistenti, come problemi renali o diabete, dovrebbero consultare un medico prima di apportare cambiamenti significativi alla loro dieta liquida.

Perchè bere è così importante per le vie urinarie?

Quando il corpo riceve una quantità adeguata di liquidi, l’urina si diluisce. Questa diluizione è vitale perché un’urina meno concentrata fluisce in quantità maggiore attraverso le vie urinarie, riducendo il rischio di irritazioni e infiammazioni. Un’urina diluita ha anche una minore concentrazione di minerali che possono aggregarsi e formare calcoli renali, una condizione dolorosa e potenzialmente grave.

Inoltre, bere adeguate quantità di liquidi aiuta a espellere i batteri potenzialmente nocivi dalla vescica. Questo processo di pulizia è un meccanismo di difesa naturale che può ridurre significativamente il rischio di infezioni del tratto urinario (UTI), come la cistite. Senza un flusso costante di urina per rimuovere questi batteri, si aumenta il rischio che possano moltiplicarsi e causare un’infezione.

È interessante notare che non solo l’acqua bevuta contribuisce all’idratazione; anche il cibo può svolgere un ruolo importante. Alimenti ad alto contenuto di acqua, come frutta e verdura, possono contribuire significativamente all’assunzione giornaliera di liquidi. Questo approccio integrato, che combina l’acqua bevuta con quella ottenuta dagli alimenti, può aiutare a garantire un’adeguata idratazione senza dover consumare quantità eccessive di liquidi.

Articoli Correlati
Articoli in evidenza

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina Healthy The Wom ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.