Ultima modifica

Con l’arrivo dell’estate i casi di influenza stagionale/RSV sono ormai residui, così come altre sindromi parainfluenzali respiratori invernali (come i classici raffreddore, tosse, mal di gola, …); è invece in costante e rilevante crescita da diverse settimane la diffusione del COVID, tanto da essere ormai evidente l’inizio di una ondata estiva.

Piuttosto comuni anche le gastroenteriti virali (virus intestinale), anche se nella stagione calda in genere sostenute soprattutto da varie forme di intossicazioni alimentari.

Clicca sui link per una descrizione dettagliata, mentre di seguito troverai una panoramica delle diverse infezioni.

Ragazza malata, a letto

Shutterstock/GolubaPhoto

COVID-19

Anche se fortunatamente le conseguenze non sono più gravi come all’inizio della pandemia, il virus responsabile della COVID-19 non se n’è di fatto mai andato e continua a circolare nella popolazione causando periodiche ondate di contagi.

In questo momento in Italia siamo nuovamente in fase crescente, probabilmente a causa della diffusioni di nuove varianti (FLIRT).

Il COVID-19, causato dal coronavirus SARS-CoV-2, presenta una serie di sintomi che possono variare in intensità e durata. Tra i sintomi più comuni si annoverano

Questi sintomi possono essere facilmente confusi con quelli di altre malattie comuni, come raffreddori o influenza (l’unico modo per distinguerli con certezza è sempre il tampone).

La maggior parte delle persone inizia a sentirsi meglio entro pochi giorni o, al più, settimane dall’insorgenza dei primi sintomi, tuttavia in alcuni casi può svilupparsi una forma più grave e di  durata più prolungata (long-covid).

Influenza stagionale

L’influenza stagionale, causata da vari ceppi del virus dell’influenza, è ormai sostanzialmente sparita (come previsto, in concomitanza con l’arrivo della primavera).

L’influenza stagionale è una malattia respiratoria acuta causata dai virus influenzali propriamente detti; a differenza di altre infezioni è caratterizzata da un insorgenza improvvisa e i suoi sintomi principali includono

La febbre è tipicamente alta, persistente per 3-4 giorni, e spesso accompagna la sensazione di freddo. L’influenza può debilitare il sistema immunitario, rendendo l’individuo più suscettibile a infezioni secondarie, come la bronchite o la polmonite, soprattutto nel caso di soggetti anziani, bambini piccoli e persone con patologie croniche.

La trasmissione avviene principalmente per via aerea, tramite goccioline rilasciate quando una persona infetta tossisce o starnutisce, o tramite il contatto diretto con superfici contaminate.

Ogni anno, la composizione del vaccino antinfluenzale viene aggiornata per adattarsi ai ceppi virali più prevalenti e attivi, rendendo la vaccinazione annuale uno strumento chiave per la prevenzione e il controllo dell’influenza stagionale.

La prevenzione include anche pratiche di igiene come il lavaggio frequente delle mani e l’uso di mascherine, soprattutto durante i picchi stagionali di diffusione del virus.

Sindromi parainfluenzali

Le sindromi parainfluenzali, come il comune raffreddore, sono causate da diversi virus, tra cui rinovirus e coronavirus (diversi dal SARS-CoV-2). Queste condizioni sono generalmente lievi, con sintomi che includono naso chiuso, starnuti e mal di gola e una durata che raramente supera qualche giorno.

Gastroenteriti virali

La cosiddetta influenza intestinale, spesso confusa con l’influenza stagionale, è in realtà una gastroenterite virale, generalmente causata da virus come il norovirus o il rotavirus.

Contrariamente all’influenza che colpisce il sistema respiratorio, l’influenza intestinale attacca il sistema digestivo, provocando sintomi come nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, raramente febbre lieve e mal di testa. Questi sintomi possono manifestarsi improvvisamente e variare in intensità.

La disidratazione è l’unico vero rischio, specialmente nei bambini piccoli e negli anziani, a causa della perdita di liquidi e sali minerali dovuta a vomito e diarrea.

La trasmissione avviene principalmente per contatto diretto con una persona infetta o attraverso il consumo di cibo o acqua contaminati.

La prevenzione si basa sull’igiene accurata, in particolare sul lavaggio frequente delle mani, e sulla manipolazione sicura degli alimenti.

Non esistono trattamenti specifici per l’influenza intestinale; pertanto, il riposo e il mantenimento di un adeguato apporto di liquidi sono essenziali per il recupero. In casi di sintomi gravi o persistenti, è importante consultare un medico per prevenire complicazioni.

RSV (virus respiratorio sinciziale)

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è un patogeno comune che causa infezioni respiratorie, soprattutto nei bambini piccoli e negli anziani. È noto per essere uno dei principali responsabili di bronchiolite e polmonite nei bambini sotto i due anni di età. I sintomi del RSV possono variare da lievi a gravi e spesso includono congestione nasale, tosse, febbre, difficoltà respiratorie, e sibili. In alcuni casi, può portare a difficoltà respiratorie più gravi, in particolare nei lattanti e nei bambini con condizioni di salute preesistenti, come malattie cardiache o polmonari croniche.

La trasmissione del RSV avviene attraverso il contatto diretto con le secrezioni respiratorie infette o attraverso il contatto con superfici contaminate. Il virus può sopravvivere per diverse ore su superfici come maniglie delle porte, giocattoli e lenzuola, rendendo la prevenzione tramite igiene regolare e la disinfezione degli oggetti un aspetto cruciale nel limitare la sua diffusione.

Non esiste un trattamento specifico per il RSV, e nella maggior parte dei casi, l’infezione si risolve da sola senza necessità di interventi medici. I bambini con sintomi più gravi possono  tuttavia richiedere cure ospedaliere per il supporto respiratorio e l’idratazione.

La prevenzione del RSV richiede attenzioni igieniche come il lavaggio regolare delle mani, evitare di condividere oggetti personali, e limitare l’esposizione a persone malate, specialmente durante i mesi invernali, quando l’incidenza del RSV è più alta.

Articoli Correlati
Articoli in evidenza