Salvia: proprietà, benefici, rischi e controindicazioni

Ultima modifica

Cos’è la salvia?

La Salvia è una pianta della famiglia delle Labiatae o Lamiaceae (la stessa di timo e menta), originaria di Medio Oriente e Mediterraneo, ma oggi diffusa pressoché in tutto il mondo. In Italia è presente in circa 20 specie, di cui 9 nel solo arco alpino. La più conosciuta e studiata è la Salvia Officinalis o Salvia comune.

Molto conosciuta e utilizzata in cucina per insaporire le pietanze, la salvia è altresì nota come rimedio nella medicina popolare per le sue proprietà

  • antinfiammatorie,
  • antisettiche,
  • digestive,
  • diuretiche,
  • cicatrizzanti.

Il suo nome deriva da salvus, ossia sano, a motivo delle virtù salutari attribuite alla pianta.

Foglie di salvia officinalis

iStock.com/Margherita22

Cosa contiene?

La salvia contiene molti componenti biologicamente attivi, tra essi citiamo

  • acidi fenolici, tra cui acido caffeico e rosmarinico,
  • flavonoidi (luteonina, apigenina,quercetina),
  • monoterpeni, diterpeni,triterpeni (tujoni, cineolo, acido carnosico).

La composizione finale dell’estratto dipende in larga misura dalla tecnica di estrazione, nonché dalle parti della pianta utilizzate [3].

Un po’ di storia

“Perché dovrebbe morire l’uomo nel cui giardino cresce la salvia?”.

Così recitava la Scuola Medica Salernitana (la prima e più importante istituzione medica europea nel Medioevo), a testimonianza dell’alto valore curativo attribuito alla pianta dalla medicina dell’epoca.

In realtà la fama di questa pianta risale a molto prima, sin dai tempi degli Egizi e successivamente dei Greci e dei Romani: questi ultimi, ad esempio, ricorrevano ad un vero e proprio rituale di raccolta della salvia – considerata una pianta sacra – evitando di usare oggetti di ferro e indossando una tunica bianca, a piedi scalzi e lavati.

Dioscoride, medico greco che visse nell’antica Roma ai tempi di Nerone (I sec d.C.), riportava nel suo De materia medica l’utilizzo della salvia come decotto per fermare il sanguinamento delle ferite e per disinfettare ulcere e piaghe; come tisana, invece, per raucedine e tosse. Plinio Il Vecchio, suo contemporaneo, nel Naturalis Historia, riportava l’uso della salvia per migliorare la memoria e come decotto per gargarismi – insieme a rosmarino, caprifoglio, piantaggine e miele- per trattare afte e mal di gola.

Nel Medioevo la salvia era considerata una panacea per tutti i mali: pare fosse utilizzata addirittura per preparare un infuso “miracoloso”, insieme a rosmarino, timo e lavanda (l’”aceto dei quattro ladri”), che si diceva proteggesse dalla peste. Si riteneva inoltre fosse un potente afrodisiaco maschile e aumentasse la fertilità femminile: oggi sappiamo in effetti che le foglie di salvia contengono fitoestrogeni – ed è la ragione per cui la pianta è stata studiata anche per contrastare i sintomi della menopausa.

Nella Medicina Tradizionale Cinese la salvia era considerata la pianta della longevità e ancora oggi viene utilizzata come rimedio per

Nella Medicina Ayurvedica, in aggiunta agli impieghi appena citati, viene utilizzata esternamente per

Proprietà, benefici e ricerca scientifica

La salvia per uso orale (in forma di tisane, oli essenziali, estratto secco in capsule) è ancora oggi consigliata e utilizzata come rimedio per

  • favorire la digestione e trattare problemi gastrointestinali in generale (presa prima dei pasti stimola l’appetito, dopo i pasti favorisce la digestione),
  • curare le infiammazioni orofaringee,
  • mitigare i problemi della menopausa,
  • alleviare i dolori mestruali,
  • rallentare i problemi di memoria e concentrazione,
  • combattere la sudorazione notturna.

Soprattutto quando si utilizza in forma di olio essenziale è molto importante attenersi alle indicazioni ed alle dosi riportate sulle confezione, essendo la forma farmaceutica in assoluto più concentrata e pura e per questo a maggior rischio di fenomeni di sovradosaggio.

Per uso esterno invece le foglie di salvia tal quali o come infuso sono utilizzate come

  • disinfettanti per le ferite,
  • sbiancanti per i denti,
  • rinfrescanti per l’alito.

Le moderne applicazioni terapeutiche della salvia sono supportate dal consolidato utilizzo nella tradizione, ma anche dai dati raccolti nella pratica dai medici erboristi, da studi in vitro o in vivo (su animali) e da alcuni studi clinici [1].

Secondo quanto riportato dal Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH) – agenzia governativa degli Stati Uniti – , tuttavia, gli studi clinici sono ancora insufficienti per confermare l’efficacia dei rimedi a base di salvia e ulteriori approfondimenti sarebbero necessari [2]. Il grande limite degli studi sinora pubblicati è che gli estratti di salvia sono ottenuti con tecniche spesso differenti fra loro (olii, estratti alcolici, …), con conseguente diversa percentuale di principi attivi, e quindi difficili da confrontare e replicare.

Gli studi più recenti [3,8,9,10,11] si sono concentrati sull’utilizzo della salvia come

Interessanti ricerche sono state altresì condotte nel campo delle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, per migliorare memoria e performances cognitive: da studi recenti pare che la salvia sia in grado di ridurre l’infiammazione derivante dall’accumulo di proteina β-amiloide, caratteristico dell’Alzheimer, e abbia effetto sul sistema colinergico, potenziandolo [4,7]. Alcuni lavori sembrano suggerire che addirittura l’aroma stesso della salvia possa avere effetto positivo sulla memoria [5,6].

Un aiuto in menopausa?

Un’interessante applicazione della salvia riguarda l’utilizzo come rimedio naturale per alleviare i sintomi della menopausa – e in particolare per

  • ridurre sudorazione eccessiva e vampate di calore,
  • migliorare le performance mentali e dell’umore.

L’azione pare sia dovuta ad un effetto estrogeno-simile della salvia, così come accade con i fitoestrogeni della soia [14].

In uno studio multicentrico condotto in Svizzera su 71 pazienti, in menopausa da almeno 12 mesi, è stata somministrata salvia fresca in compresse giornaliere (280mg di estratto) per un periodo di 8 settimane [12]. Entro le prime 4 settimane si è ottenuta una riduzione del 50% nella frequenza e intensità delle vampate di calore – percentuale che è salita al 64% dopo 8 settimane. Il limite di questo studio è l’assenza del gruppo di controllo a cui fosse somministrato il placebo, ma i risultati sono comunque incoraggianti e aprono interessanti prospettive di utilizzo della salvia.

In base a quanto riportato da uno studio in vitro pubblicato quest’anno [13], l’effetto sulle vampate di calore potrebbe essere dovuto alla particolare affinità dell’estratto di salvia con i recettori muscarinici M3, adrenergici alpha 2A e µ- oppioidi a livello centrale, coinvolti nel meccanismo di termoregolazione.

Controindicazioni ed effetti collaterali

La salvia per uso alimentare come insaporitore di pietanze è generalmente considerata sicura.

Tuttavia, per la presenza del tujone, un chetone complesso che può risultare tossico ad alte dosi, è bene non eccedere nelle quantità: secondo quanto riportato dall’FDA, 12 gocce di olio essenziale sono considerate una dose tossica. L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) indica come dose massima giornaliera di tujione 5 mg [15].

Esistono comunque in commercio formulazioni a base di salvia senza tujone.

I sintomi di tossicità da sovradosaggio comprendono:

Olio essenziale puro ed estratti alcolici sono sconsigliati durante gravidanza e allattamento perché in grado di causare effetti tossici sul feto o sul neonato [8].

Non sono note particolari interazioni coi farmaci.

Fonti e bibliografia

Articoli Correlati

Su alcuni dei link inseriti in questa pagina Healthy The Wom ha un’affiliazione ed ottiene una percentuale dei ricavi, tale affiliazione non fa variare il prezzo del prodotto acquistato.