Schiuma nelle urine, quando preoccuparsi?

Ultima modifica

Video

Segue trascrizione del video

Introduzione

Osservare tracce di schiuma occasionale dopo aver urinato è del tutto normale, perché la forza del getto ed altri fattori possono spiegare il fenomeno; il problema nasce invece qualora dovessi accorgerti che l’urina nel water forma sempre, costantemente, evidenti tracce di schiuma, che anzi aumentano giorno dopo giorno.

In questo caso la causa potrebbe risiedere nella presenza di proteine nell’urina, che tuttavia con reni perfettamente funzionanti non dovrebbero esserci se non in tracce (le proteine sono preziose e vengono recuperate).

Schiuma nelle urine

Shutterstock/Zay Nyi Nyi

Quando preoccuparsi

Storicamente l’urina schiumosa è considerata un potenziale segnale di malattia renale, ma è importante chiarire che la formazione di un singolo strato di bolle grandi, che tendono a dissiparsi rapidamente, può essere considerato assolutamente normale (essendo probabilmente indotto dalla pressione del getto, dalla caduta nell’acqua del WC, …).

La schiuma che più preoccupa è invece caratterizzata dalla formazione e dalla persistenza di strati multipli di bolle di piccole e medie dimensioni, osservabili ad ogni minzione, giorno dopo giorno.

Come si forma la schiuma?

Da un punto di vista fisico la schiuma si forma quando sacche di aria vengono efficacemente intrappolate all’interno di bolle formate dal liquido; affinché questo possa avvenire è tuttavia necessaria la presenza di un tensioattivo, una sostanza caratterizzata dalla presenza di una parte in grado di sciogliersi in acqua, ed una parte in sostanze grasse come l’olio.

L’esempio più noto di sostanze di questo tipo è il sapone, la cui capacità pulente deriva proprio da questa proprietà: quando inserito in un sistema misto formato da solventi acquosi (acqua) e organici (sporcizia grassa), il sapone è in grado di catturare lo sporco, disperderlo efficacemente in acqua (all’interno di una piccola bolla di protezione) per essere infine eliminato con il risciacquo.

Le proteine sono spesso dotate di questa stessa capacità (sfruttata ad esempio anche quando si monta a schiuma il latte del cappuccino) ed è per questo che la loro presenza nelle urine può determinare la formazione di schiuma.

Cause

La spiegazione più probabile di urina schiumosa è quindi che siano presenti tracce significative di proteine nelle urine; normalmente i reni filtrano le proteine per evitare che vengano sprecate nelle urine, quindi la loro eliminazione può essere segno di malfunzionamento di questo filtro, ad esempio a causa di

Particolarmente delicato è il caso della presenza di proteine nelle urine durante la gravidanza; se piccole tracce sono considerate normali, soprattutto dopo la ventesima settimana, quantità importanti ed associate a gonfiore alle gambe/caviglie e/o a pressione alta sono suggestive di pre-eclampsia, una complicazione che richiede immediata attenzione medica.

Se tradizionalmente la presenza di schiuma nelle urine è quindi considerata un segno particolarmente suggestivo di possibile presenza di proteine nelle urine, in realtà è molto più comune di quanto si pensi il fenomeno di urina schiumosa apparentemente priva di significato clinico (ovvero non legata ad alcun problema di salute né alla presenza di proteine), oppure conseguenza di altre condizioni meno comuni.

Ad esempio anche la presenza di amminoacidi liberi (come metionina e tirosina) è in grado di favorire lo sviluppo di schiuma, tanto è vero che i pazienti affetti da sindrome di Fanconi possono manifestare schiuma nelle urine, così come nel caso di

Anche i fosfolipidi, i mattoni più importanti delle membrane cellulari, godono della proprietà di formare sfere chiuse all’interno dei solventi acquosi (d’altra parte la membrana cellulare stessa ne è un esempio) e non è quindi irragionevole aspettarsi che la presenza di frammenti cellulari nelle urine (ad esempio in caso di tracce di sangue nelle urine) possa contribuire alla formazione di schiuma urinaria.

Questi sono solo alcuni esempio di possibili sostanze in grado di spiegare la presenza di schiuma pur in assenza di proteine.

In ultimo vale la pena ricordare una possibilità forse banale, ma non per questo da trascurare, a volte la causa della schiuma non è da ricercare nell’urina, ma nel gabinetto: alcuni prodotti chimici usati per la pulizia del sanitario potrebbero essere loro stessi responsabili della formazione di schiuma dopo la minzione.

Quando rivolgersi al medico

L’urina viene considerata una finestra aperta sullo stato di salute, quindi è raccomandabile segnalare sempre al medico la presenza di schiuma non occasionale per i necessari approfondimenti.

Fonti e bibliografia

Articoli Correlati