Quanto si dimagrisce camminando tutti i giorni?

Ultima modifica

Camminare è una delle attività fisiche più semplici e accessibili che si possono praticare, e i suoi benefici per la salute sono ben documentati.

Ma quanto si può effettivamente dimagrire camminando tutti i giorni?

Ancora più importante, si può davvero dimagrire?

Camminare fa dimagrire?

Uomo sovrappeso che cammina nel deserto

Shutterstock/rangizzz

Per perdere peso è necessario sempre e comunque creare un deficit calorico, ovvero mangiare meno calorie di quante se ne bruciano.

L’attività fisica aumenta la quantità di calorie consumate, quindi in teoria può favorire la perdita di peso, ma il risultato non è così scontato perché entrano in gioco numerosi altri fattori:

  1. Varietà di Attività: Non tutte le attività fisiche sono uguali in termini di consumo calorico. L’intensità, la durata e il tipo di esercizio influenzano le calorie bruciate e quindi il potenziale di dimagrimento. Nel prossimo paragrafo forniremo qualche stima sulla camminata.
  2. Comportamenti Alimentari: L’attività fisica può aumentare l’appetito, portando a un maggiore consumo calorico che potrebbe compensare le calorie bruciate durante l’esercizio. Inoltre, alcune persone potrebbero inconsciamente mangiare di più dopo l’esercizio, come ricompensa.
  3. Adattamenti Metabolici: Il corpo può progressivamente adattarsi all’attività fisica riducendo il metabolismo basale o l’energia spesa a riposo, rendendo più difficile la perdita di peso a lungo termine. Anche la perdita di peso riduce la quantità di calorie necessarie a parità di sforzo (ad esempio a parità di chilometri percorsi).
  4. Percezione e Consistenza: Le persone tendono a sovrastimare l’efficacia dell’esercizio fisico e sottovalutare l’impatto calorico di cibi semplici come le merendine o anche una semplice mela.

Per approfondire:

Calorie bruciate camminando

Camminare quotidianamente può aiutare a dimagrire, ma è necessario essere realisti e impegnarsi anche sul fronte della dieta.

È importante notare come il peso corporeo influisca sul consumo calorico della camminata: maggiore è il peso, più calorie sono necessarie a parità di chilometri percorsi (indicativamente si considera un consumo 0.4-0.5 calorie per chilo di peso per chilometro).

Prendiamo come esempio un soggetto di 70 kg: se si cammina per un’ora al giorno a passo lento-moderato (5 km circa), si possono bruciare circa 1200 calorie alla settimana (175 calorie x 7 giorni). Per perdere mezzo chilo di peso corporeo, è necessario un deficit calorico di circa 3.500 calorie, quindi camminando tutti i giorni si potrebbe perdere circa mezzo chilo ogni tre settimane, a patto che l’apporto calorico rimanga costante.

Camminare a passo svelto, oltre a migliorare l’efficacia aerobica, permette di coprire una distanza maggiore a parità di tempo, incrementando le calorie bruciate; se poi con il tempo si passasse alla corsa il dispendio energetico richiesto sarebbe circa doppio a parità di distanza coperta.

Per approfondire:

Altri fattori da considerare

  • Dieta: Anche se camminare aiuta a bruciare calorie, è sempre l’alimentazione a giocare un ruolo cruciale nella perdita di peso.
  • Consistenza: La chiave per dimagrire camminando è la costanza. Camminare regolarmente, piuttosto che sporadicamente, produce risultati migliori.
  • Intensità: Aumentare l’intensità della camminata, ad esempio camminando in salita o a un ritmo più veloce, può accelerare la perdita di peso.
  • Varietà: Alternare la camminata con altre forme di esercizio può migliorare i risultati complessivi e prevenire l’adattamento del corpo. Alternare la camminata con sedute di forza può ad esempio aumentare il metabolismo basale, ovvero aumentare il consumo di calorie a riposo.

Per approfondire:

I benefici della camminata

Camminare tutti i giorni (e più in generale sposare uno stile di vita attivo anche nel quotidiano) è un’attività sostenibile (e a basso impatto, che può essere facilmente integrata nella routine quotidiana senza bisogno di attrezzature speciali) e offre benefici che tuttavia vanno al di là della semplice perdita di peso:

  • Migliora la salute cardiovascolare: Camminare regolarmente può ridurre il rischio di malattie cardiache.
  • Aumenta il metabolismo: Anche una camminata a passo moderato può contribuire a incrementare il metabolismo.
  • Riduce lo stress: La camminata può avere effetti positivi sulla salute mentale, riducendo lo stress e migliorando l’umore.

Per approfondire:

Articoli Correlati
Articoli in evidenza