Cosa fa il limone alla pressione del sangue?

Ultima modifica

Il limone è un agrume ricco di vitamina C, antiossidanti e flavonoidi, noto per l’interessante apporto nutrizionale. Tra gli usi tradizionali e le numerose ricerche pubblicate, alcune suggeriscono che il consumo di limone può avere effetti positivi sui valori di pressione sanguigna, ma cosa possiamo aspettarci?

Proprietà nutrizionali

Ragazza morde una fetta di limone

Shutterstock/Pazargic Liviu

Il limone è una buona fonte di vitamina C, un potente antiossidante che aiuta a proteggere le cellule dal danno ossidativo. Contiene anche piccole quantità di vari minerali essenziali, tra cui il potassio, che è noto per il suo ruolo nella regolazione della pressione arteriosa.

Generalizzando:

  • Alcuni studi suggeriscono che la vitamina C potrebbe ridurre la pressione del sangue, ma quando assunta come integratore spesso i risultati sono stati deludenti.
  • Un elevato consumo di frutta e verdura è associato a un ridotto rischio di sviluppare pressione alta.
  • Il potassio è un minerale con un dimostrato effetto ipotensivo e il limone ne apporta discrete quantità.
  • Alcuni autori suggeriscono che possa avere effetto diuretico, almeno nei ratti…

Se quindi sulla carta gli effetti appaiono potenzialmente promettenti, cosa succede verificando in modo più rigoroso l’agrume?

  • Un recente studio ha esaminato gli effetti del consumo quotidiano di limoni e dell’attività fisica misurata in termini di passi al giorno in circa 100 donne di mezza età in Giappone. Durante il periodo di osservazione di cinque mesi è stata analizzata la correlazione tra questi fattori e varie misurazioni della salute, come la pressione sanguigna e alcuni parametri ematici (esami del sangue). I risultati hanno mostrato che sia il consumo quotidiano di limoni sia il camminare sono associati a una riduzione della pressione sanguigna sistolica. L’analisi ha suggerito che questi due fattori influenzano la pressione sanguigna attraverso meccanismi d’azione differenti: il consumo di limoni sembra influire maggiormente sui livelli di acido citrico nel sangue, mentre il camminare ha un impatto più diretto sulla pressione sanguigna.
  • L’acido citrico è uno dei componenti più abbondanti del succo di limone e sembra poter agire direttamente abbassando la pressione… almeno nei ratti…

Riassumiamo

In tutta onestà, probabilmente le conclusioni più ragionevolmente significative sono tuttavia quelle a cui sono pervenuti gli autori del seguente studio:

Ventinove pazienti sono stati sottoposti a misurazioni della pressione sanguigna prima e dopo l’ingestione di succo di limone o di un volume equivalente di acqua. Entrambi i gruppi hanno mostrato un calo della frequenza cardiaca e dei valori di pressione (in termini di frequenza le variazioni sono state più marcate e prolungate nel gruppo dell’acqua..).
Questi risultati suggeriscono che tanto il succo di limone quanto l’acqua possono ridurre temporaneamente la pressione sanguigna, probabilmente a causa dell’effetto calmante dell’ambiente e della presenza del medico.

Insomma, il limone può essere un valido alleato per la salute del cuore, ma il suo consumo deve essere integrato in un contesto di abitudini sane per vedere benefici concreti sulla pressione sanguigna e immaginarlo come alternativa ai farmaci è probabilmente un po’ azzardato. Anche in termini di stile di vita ci sono abitudini e approcci che godono di un supporto scientifico sicuramente più solido:

Valutare con spirito critico le soluzioni che ci attraggono è fondamentale in ogni ambito della vita, soprattutto quando si tratta della nostra salute. Spesso, tendiamo a essere attratti da soluzioni naturali che che promettono benefici rapidi, ma il desiderio di credere che “funzionino” può oscurare il nostro giudizio critico.

È importante ricordare che, solo perché un approccio è naturale, popolare o ha un fascino intuitivo, non significa automaticamente che sia efficace o appropriato.

Peraltro, non solo naturale non equivale a sicuro, ma sai come si dice no?

Per ogni problema complesso, c’è sempre una soluzione semplice. Che è sbagliata (George Bernard Shaw)

L’attrazione verso “ciò che ci piace” può portarci a ignorare evidenze contrarie o a non valutare con sufficiente attenzione la solidità scientifica dietro a certe affermazioni.

Adottare un approccio critico ci aiuta a proteggerci da possibili delusioni e, nel peggiore dei casi, da danni derivanti da pratiche non supportate da prove concreti.

Leggi anche: Acqua e limone al mattino?

Articoli Correlati
Articoli in evidenza